dicembre 2018 – IL CIBO BIOLOGICO È PIÙ DANNOSO PER IL CLIMA?

Gli alimenti biologici hanno un impatto climatico maggiore rispetto a quelli convenzionali, a causa delle maggiori superfici di terreno necessarie. Questo è il risultato di un nuovo studio internazionale che coinvolge la Chalmers University of Technology, Svezia, pubblicato sulla rivista Nature

I ricercatori hanno sviluppato un nuovo metodo per valutare l’impatto climatico dell’uso del suolo e lo hanno utilizzato, insieme ad altri metodi, per confrontare la produzione di alimenti biologici e convenzionali. I risultati mostrano che gli alimenti biologici possono comportare emissioni maggiori.

“Il nostro studio dimostra che i piselli biologici, coltivati in Svezia, hanno un impatto climatico superiore di circa il 50% rispetto ai piselli coltivati in modo convenzionale. Per alcuni alimenti, c’è una differenza ancora maggiore – per esempio, con il grano invernale svedese biologico la differenza è più vicina al 70%”, dice Stefan Wirsenius, professore associato di Chalmers, e uno dei responsabili dello studio.

Il motivo per cui il cibo organico risulterebbe essere più dannoso per il clima è che le rese per ettaro sono molto più basse, soprattutto perché i fertilizzanti non vengono utilizzati. Per produrre la stessa quantità di alimenti biologici, è quindi necessaria una superficie di terreno molto più ampia.

“Il maggiore utilizzo del suolo nell’agricoltura biologica porta indirettamente a maggiori emissioni di anidride carbonica, per via della deforestazione”, spiega Stefan Wirsenius. “La produzione alimentare mondiale è governata dal commercio internazionale, quindi il modo in cui coltiviamo in Svezia influenza la deforestazione ai tropici. Se usiamo più terra per la stessa quantità di cibo, contribuiamo indirettamente a una maggiore deforestazione in altre parti del mondo”.

Anche la carne e i latticini biologici sono – da un punto di vista climatico – peggiori dei loro equivalenti prodotti convenzionalmente, afferma Stefan Wirsenius.

“Poiché la produzione biologica di carne e latte utilizza mangimi biologici, richiede anche più terra rispetto alla produzione convenzionale. Ciò significa che i risultati relativi al grano e ai piselli biologici si applicano in linea di principio anche alla carne e ai prodotti lattiero-caseari. Tuttavia, non abbiamo fatto calcoli specifici sulla carne e sul latte e non abbiamo esempi concreti di ciò nell’articolo”, spiega Wirsenius.

Lascia un commento